10 buone ragioni per scegliere León come meta Erasmus

Inizialmente non conoscevo questa meravigliosa città, vi dico la sincera verità: l’ho scelta perché era l’unica città spagnola rimasta disponibile! Successivamente però, ho ringraziato il cielo di averla scelta, in questo articolo vi illustro 10 motivi per cui la consiglierei mille volte anche a voi.

1. Città con un patrimonio artistico rinomato

Non sarà una grande città paragonabile alla Capitale, ma nel suo piccolo, il capoluogo della regione Castiglia e León, è ricco di meraviglie; tra le quali spiccano la bellissima Cattedrale di León, con architettura gotica del XIII secolo; la Basilica di San Isidoro, con architettura romanica del XI secolo; il museo d’arte contemporanea MUSAC il cui allestimento cambia periodicamente; il Monastero di San Marcos, convento rinascimentale risalente al XVI secolo; la meravigliosa Casa Botines opera di Antonio Gaudí, di stile neogotico (giusto per farvi qualche esempio, ma non è tutto qui, se volete saperne di più vi aspetto nel mio articolo Cosa vedere a León!)

Casa Botines e tramonto spettacolare
Monastero di San Marcos
Cattedrale di León

2. Tappa del cammino di Santiago

León è infatti un po’ la città di mezzo del percorso, si trova a 340km da Santiago e si tratta di sole due settimane di cammino, scelta soprattutto da coloro che non possono permettersi di percorrere l’intero viaggio. Pertanto è segnalata da vari simboli, punti di riferimento per i pellegrini in viaggio, tra questi i più frequenti sono la conchiglia (la Concha) e la freccia gialla, ma potrete trovare anche l’impronta del piede su alcune strade, che rappresenta il pellegrino in cammino.

Alcuni dei simboli di riferimento per i pellegrini in cammino

3. Tapas a volontà

A León ogni locale dei fantastici Barrio Húmedo e Romántico ha una specialità tipica, che vi viene data, con una bibita a vostra scelta, in omaggio (con 4 tapas, circa 2.50 euro l’una, avrete praticamente cenato). Se volete dei consigli precisi su dove andare secondo la mia esperienza personale, vi invito a leggere Tour di tapas a León: 10 tappe da non perdere!

Alcune delle tapas di “Las Tapas“.

4. La città degli Erasmus

Quando uscirete troverete più Erasmus che ragazzi del posto! A León i ragazzi Erasmus hanno una serie di vantaggi, tra cui poter uscire nei vari pub e discoteche, spendendo quasi nulla. Troverete sempre offerte come shot gratis entro mezzanotte, drink per pochi euro, serate a tema che vi regaleranno gadget divertenti come ricordo e tanto altro. I locali inoltre sono abbastanza vicini tra loro e questo permette di fare un vero e proprio tour di movida in cui è davvero impossibile annoiarsi, i più frequentati: Delicatessen, Molly Malone’s, El Traga e Studio 54.

5. Ogni giorno è weekend

Non aspetterete più il weekend per uscire, ogni giorno è festa, in particolare il vostro giorno è il martes Erasmus, ma ogni giorno della settimana troverete serate nei locali leonesi, stop alla monotonia! Vi starete chiedendo, ma come si fa con le lezioni e gli esami, vi assicuro che si può fare tutto ragazzi, ci vuole solo un pò di sana locura e forza di volontà e non dovrete rinunciare a nulla! (PS: se non siete persone da movida, non è decisamente la città adatta).

6. Le migliori feste e viaggi organizzati da AEGEE

I vostri migliori alleati diventeranno i ragazzi di questa società di svago, non dovrete pensare a nulla, itinerari diversi ogni weekend, feste, balli in maschera, serate per conoscersi, cene internazionali, pub crawl, tessere sconto per i locali e chi più ne ha più ne metta. Questi ragazzi renderanno la vostra esperienza ancora più indimenticabile.

7. Costo della vita basso

Potrete trovare affitti dai 150-200 euro al mese, per case più vecchie, a 400 per case più moderne e ristrutturate, con spese incluse o meno. La stessa Università di León mette a disposizione un elenco di potenziali alloggi tra cui scegliere. Per uscire la sera non spenderete quasi nulla, l’unica spesa che affronterete di più sarà quella per i viaggi, ma anche in quel caso, si tratta di pacchetti comprendenti cibo, alloggio e ingressi nella maggior parte dei casi, fatti su misura per le vostre possibilità.

8. Corso di lingua intensivo e gratuito al Centro de Idiomas

Se arrivate senza aver mai studiato spagnolo in vita vostra (come la sottoscritta), non vi preoccupate! Qui troverete corsi per ogni livello, che vi permetteranno anche di conoscere altri ragazzi come voi, personalmente è stato proprio nel corso intensivo che ho fatto le mie prime amicizie, appena arrivata. Per i ragazzi del programma Erasmus il corso intensivo è gratuito, mentre per altri studenti costa 275 euro. Si tratta di un corso che viene fatto prima dell’inizio delle lezioni universitarie, dura 40 ore, incluso avrete il materiale didattico, un certificato finale, accesso alla biblioteca e alle sale studio e informatica.

9. Un super campus universitario

Il campus di Vegazana di León si trova a circa 20 min dal centro ed è costituito da vari edifici, uno per ogni facoltà, per non parlare dell’immensa biblioteca San Isidoro, aperta h24, ricoperta di vetrate blu, che lascia letteralmente senza fiato. Passerete la maggior parte delle giornate qui e in alcuni casi anche nottate (scoprirete che la maggior parte dei ragazzi spagnoli studiano proprio di notte nella biblioteca). Gli esami in Spagna sono prevalentemente scritti e gli studenti Erasmus vengono trattati esattamente come gli altri, senza distinzione, ma non fatevi spaventare, se ci siamo riusciti noi ci riuscirete tutti!

La biblioteca San Isidoro

10. Ci lascerete il cuore

Vi posso assicurare che alla fine dell’esperienza sentirete un fortissimo senso di appartenenza, alla fine di tutto affronterete il Gala de despedida, dove vi saluterete vestiti elegantissimi e vi verranno consegnati i diplomi che certificano il vostro percorso. Il modo in cui viene organizzata questa giornata in vostro onore da parte del rettore e i componenti dell’ufficio Relaciones internacionales, vi fa realmente sentire parte di una famiglia, cittadini di León. Vedrete alcuni dei vostri compagni di viaggio fare un discorso che vi strapperà mille e una lacrima, canterete la canzone “Todos somos de León”, che è diventato una sorta di inno degli studenti Erasmus, saluterete uno per uno quelli che sono stati per tutta quest’esperienza i vostri punti di riferimento, ma non sarà un vero addio, perché li ritroverete sempre, in giro per il mondo ad aspettarvi.

Quando tutto sarà finito e tornerete a casa, infinite volte sentirete una vocina nella vostra testa che dirà per sempre: “Yo soy de León”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close